Accontentarsi semplicemente di esistere. Artaud interprete di Van Gogh

Vanessa Pietrantonio

Abstract


Non si può certo negare che l’associazione tra genialità e follia abbia finito per costituire, nel corso dei secoli, uno tra i topoi ricorrenti in tutti gli ambiti della fenomenologia artistica: diventando un abbinamento così diffuso e abusato da dissolvere la sua nobile genealogia filosofica (che affonda le radici nella divina “mania” platonica e nello spirito “melanconico” isolato, per primo, da Aristotele) in un vero e proprio luogo comune, depotenziato di qualsiasi vigore semantico. È, senza dubbio, il caso di Van Gogh: incarnazione di una genialità artistica che si innesta, senza alcuna mediazione, sul tronco di un disagio psichico diagnosticato dalla psichiatria dell’epoca come espressione incontestabile di alienazione mentale.

Keyword


Karl Jaspers; Van Gogh; Artaud; pittura

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.