POETI SENZA BORGHESIA: BELLI, LEOPARDI E LO STATO PONTIFICIO

Cinzia D'Innocenzi

Abstract


Ciò che in questo lavoro si è tentato di compiere è lo studio di due tra le esperienze
intellettuali più vive del nostro Ottocento: quelle di Giacomo Leopardi (1798-1837) e di
Giuseppe Gioachino Belli (1791-1863).
L’accostamento fra due esperienze poetiche, che restano sostanzialmente estranee
l’una all’altra, può apparire azzardato e anche poco produttivo, tanto che un possibile
confronto si potrebbe tentare magari per differenza1.


Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.