La città e l’isola. Omosessuali al confino nell’Italia fascista

Francesco Gnerre

Abstract


Centinaia di persone vennero confinate nell’Italia fascista perché omosessuali. Molti altri, più “fortunati”, subirono la “diffida” o l’”ammonizione”, provvedimenti forse più blandi, ma egualmente vessatori e odiosi che comportavano l’obbligo della firma in questura per due anni, oltre che l’umiliazione e il pubblico discredito.

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.