Elisabetta Orsini, Atelier. I luoghi del pensiero e della creazione, Bergamo: Moretti & Vitali, 2012.

Giorgio Stabile

Abstract


Si tratta di un libro dedicato dall’autrice, con passione intellettuale e finezza di

scrittura, all’atelier nel suo significato più antico e più ampio, quello cioè di

laboratorio in cui il maestro d’arte impegna manualità e pensiero, fatica corporea e

tensione mentale, nello “studio” e dunque nel “desiderio” di lasciare memoria di sé

nel mondo, incidendo nella materia un segno con uno strumento che ubbidisca al suo

gesto e alla sua parola, sia esso uno scalpello o un archetto, un pennello o una penna.


Full Text

HTML

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.